Aurore d’autunno

La poesia di Giovanni Testori. La raccolta dal 1965 al 1993

giovanni-testori-poesie-dal-1965-al-1993Finalmente è uscita una raccolta di “Poesie 1965-1993” di Giovanni Testori (Mondadori, 2012) che rende onore ad un intellettuale italiano ancora troppo sottovalutato rispetto al suo valore. Continue reading

Posted in <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/rec/" rel="category tag">Recensioni</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/rec/varie-rec/" rel="category tag">Varie</a> Tagged <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/mondadori/" rel="tag">mondadori</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesia/" rel="tag">poesia</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesie/" rel="tag">Poesie</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/testori/" rel="tag">testori</a>

“Pulviscolo di Stelle”. I versi di Fernanda Raineri

pulviscolodistellecopertina

Il cielo è uno dei luoghi privilegiati della poesia, quell’essenza ora terrena ora divina che ci osserva, modificando a volte il nostro destino e, forse più spesso, ci indica la strada da seguire. Ed è la vita, sfiorata e osservata dall’alto, a muovere le redini di un delicato libro di poesie, “Pulviscolo di stelle” (La Gru, 2012) di un’autrice, Fernanda Raineri, da sempre capace di giostrare le immagini con le proprie emozioni. Continue reading

Posted in <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/rec/" rel="category tag">Recensioni</a> Tagged <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/fernanda-raineri/" rel="tag">Fernanda Raineri</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/la-gru/" rel="tag">la gru</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesia/" rel="tag">poesia</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/pulviscolo-di-stelle/" rel="tag">Pulviscolo di stelle</a> 1 Comment

“Guerrilla Blues”. Poesia nel segno di Jack Hirschman

gue

Dall’incontro “catartico” con il poeta americano Jack Hirschman, nello storico Caffé Trieste di San Francisco, nasce “Guerrilla Blues” (Edizioni Ensemble) di Alessandra Bava. Queste liriche bilingue (scritte in inglese e poi tradotte in italiano dalla stessa autrice) mostrano tutta la sapienza e la passione di questa poetessa, nata a Roma ma cresciuta all’estero, frequentando scuole internazionali. Continue reading

Posted in <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/rec/" rel="category tag">Recensioni</a> Tagged <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/alessandra-bava/" rel="tag">Alessandra Bava</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/brigade/" rel="tag">Brigade</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/ensemble/" rel="tag">Ensemble</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/jack-hirschman/" rel="tag">Jack Hirschman</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesia/" rel="tag">poesia</a>

“Il quadro del mondo”

gh1

Il quadro del mondo è il primo libro di Gerry Gherardi. Si tratta di una raccolta di poesie accorate e palpitanti, all’insegna di sentimenti onesti e genuini. Il tema conduttore del volume è l’amore, affiancato a un’autobiografismo soave e a tratti malinconico. Da un lato, assistiamo alla vocazione al canzoniere, inteso come cronistoria dell’Io delle più svariate sfaccettature del sentimento amoroso, dall’altro, invece, sembra rifuggirlo ed aspirare al nobile quanto ardito tentativo di approdare al romanzo in versi.

Il verso, infatti, tende spesso al prosastico ma, altrettanto fermante, lo elude tenendo sempre alta la tensione poetica attraverso una serie si strumenti linguistico-poetici propri della materia lirica.  Gherardi ricorre spesso all’utilizzo dell’anafora (come perdersi per caso/ … come un bimbo innamorato), di incisi che destano subito l’attenzione del lettore (M’innamorai della malinconia), di cesure per cadenzare il verso e degli enjambement per rendere più fluida e avvincente la narrazione. Come già detto, si può leggere tra le righe un’indubbia vocazione al romanzo in versi. L’utilizzo di assonanze e consonanze, in buona sostanza, conferiscono una maggiore musicalità interna ed estrinseca al verso, mantenendo sempre intatta la tensione poetica dei testi. Le liriche di Gherardi si prestano ad essere lette sia  singolarmente che come capitoli di un continuum narrativo. Ogni poesia appare, infatti, compita, sia che si tratti di un componimento lungo che di un frammento, e ogni immagine o storia narrata viene scandagliata nelle più intime sfumature.  Ogni componimento, in definitiva, è come se costituisse un tassello di un unico puzzle la cui cornice è costituita dalla campagna toscana o laziale, dall’Io narrante, dalle figure familiari e da quella femminile. L’autore stesso è un profondo conoscitore della sfera femminile, un’anima sensibile che non fatica ad entrare in comunione con l’altro sesso.

Se, da un lato, il paesaggio è caricato delle sensazioni filtrate dal poeta, dall’altro rifugge il petrarchismo poiché l’Io non ha bisogno di mediazioni ed è quasi sempre espresso in prima persona e si oppone a maschere e cristallizzazioni.

Il linguaggio di Gerry è quello del quotidiano, depauperato ma non povero, soprattutto essenziale. È evidente, a mio avviso, il debito verso una certa tradizione novecentista, sia italiana (Bertolucci, Montale, Ungaretti)  che francese (penso soprattutto ad alcune bozze scenografiche alla Prévert), nell’uso della strofa (per lo più regolare), della rima interna e della cesura che appare sulla falsariga del Pavese di Lavorare stanca. Mi riferisco, in particolare,  ai paesaggi di campagna, ai papaveri, alle colture e alle atmosfere trasmesse che può definire così bene solo chi si è sporcato le mani con il lavoro dei campi e con il sudore.

Lo sfumato del lessico, del ricordo e delle narrazioni in genere e il fluire del tempo, costituiscono nella poetica di Gherardi due vere e proprie “ossessioni” semantico-tematiche. Espressioni come “voci lontane”, “un giorno lontano” e “un canto lontano” sono sparpagliate un po’ ovunque, come se l’autore volesse leopardianamente suggerirgi la poetica del vago, sulla falsariga dell’aedo marchigiano. Il tempo, invece, è visto come incombente e spietato, una ruspa che tutto spiana e una bussola a cui tutto si riconduce. Basti segnalare espressioni come “rughe del tempo”, “nel silenzio dei tempi” o “sul viso del tempo”. L’amore, filo conduttore dell’opera prima di Gerry Gherardi, è approfondito e investigato da ogni punto di vista: come souvenir di gioventù,  come idealizzato o immaginato, come empirismo gioioso o provante, come amore sponsale che si rinnova o sentimento fraterno e rassicurante per una persona cara o un  familiare. L’autore toscano dedica il libro ai propri nonni.

In conclusione, il libro del nostro scrittore riesce a farci cogliere, sin dalle prime righe, tutto il calore dei sentimenti più  veraci e genuini e  l’agrodolce della vita quotidiana, strettamente connessi ad un Io poetico incline al realismo e ad un lirismo assolutamente esente da qualunque forma di retorica o autocompiacimento.  Il fatto che Gerry sia anche un attore di teatro ci aiuta a meglio chiarire la struttura di alcuni suoi componimenti i cui versi si susseguono come fotogrammi di una pellicola o cambi di scena di palco: “lei, / nuda, / coperta di seta / sulla pelle, / zucchero a velo / trasparente, leggero …”

Da un punto di vista linguistico e tematico, il libro si segnala anche sorprendente unità strutturale che appare soppesata e raffinata, frutto di un’attenta ricerca e meditazione semantica ineccepibile: “M’innamoro di te / come il vino nel bicchiere,  / rosso di terra / nell’ora del sole / che muore sui monti / tutte le sere.”

Il quadro del mondo è il primo e prezioso lavoro di Gerry Gherardi. Francamente, ci auriamo di vederne altri quanto prima. Da leggere.

Gerry Gherardi nasce a Pontedera un sabato d’agosto del 1978 alle 9,30 di mattina, faceva caldo e tutti erano in ferie. Dopo vent’anni passati a respirare l’aria dei campi di grano toscani si trasferisce a Roma dove frequenta la scuola di teatro “Ribalte” sotto la guida del Maestro Enzo Garinei. Debutta in teatro con Francesca Draghetti in “Terapia di Gruppo” di Christopher Durang, primo spettacolo di una lunga serie che scandisce una prolifica collaborazione. Doppiatore e sceneggiatore mette in scena due monologhi e una parodia per quattro attori. Il quadro del mondo è il suo primo libro.

articolo di Angelo Gasparini

Autore: Gerry Gherardi

Titolo: Il quadro del mondo

Editore: Edizione Ensemble

Anno: 2012

Pagine: 70

Prezzo: 10,00 euro

Posted in <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/varie/" rel="category tag">Varie</a> Tagged <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/ensemble/" rel="tag">Ensemble</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/gerry-gherardi/" rel="tag">Gerry Gherardi</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/il-quadro-del-mondo/" rel="tag">Il quadro del mondo</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesia/" rel="tag">poesia</a>

“Nuove poesie”

miliucci_grande

Come l’anguilla citata (Marianna Montale, p. 9), anche il poetare di Fabrizio Miliucci è cosa che sfugge alla facile presa, alle categorie, ai casellari, agli schemi usi del recensore. Ho scorso veloce, lettore affrettato, fino all’inganno. Al culmine indotto, e non lo vedevo, di sensi a convergere al sé disvelato. Letta la pagina 29 (molte, le poesie senza titolo), bozzetto gustoso di detonante sarcasmo, capita la cifra dell’uomo-poeta non solo ho riletto, ma anche apprezzato. C’è un io errabondo, in questa raccolta, a tradurre per versi uno sguardo sul mondo. Passi la scelta non sempre sensata (cedi all’icona, ragazzo di facebook?) del corpo variante (succede un po’ troppo, e a volte sparpaglia: p. 56): magari son urla, o corsivi negati; passi quel quote di stampo dantesco (ci tieni alla laurea, vademecum al poetare – a p. 47, casuale cabala): gli echi sono tanti, preziosi – ricorda – di più i celati.

Lo stile s’impenna di cose minute: si è grati a Fabrizo del tanto variare, del cogliere infra e con piglio anti-dolente (una lode: di giovani in cupio dissolvi ne abbiamo, sia detto, gonfia la sacca) il rivolo lirico del mondo che accade. Un dubbio d’intenti ne Al funerale (p. 5), una sposa-bambina ben presto ingannata (p. 33), un principio d’anno piuttosto molesto (p. 40), un epilogo in moto –in auto, pardon (p. 50), Latina e dintorni in labile secco (p. 59). Poesia Per il paradosso di lingua e d’affetti, campione in E io (p. 20); avanguardia (altra lode per l’autoironia) in Poesia originalmente intera fatta a pezzi (p. 23).

Anche la prosa è all’altezza del tutto. Qualche sentenza: Romanzo (confidenza amicale del Gioberti a uno) (p. 10, e poi 34 e 37); un omaggio postremo: Bibliografia (p. 16), un dialogo folle dai ritmi serrati / venato di bello / per un ritornello / per questo alla bocca / come filastrocca: Il muto (p. 25). C’è un senso di Dio (citato una volta ma per formulario: p. 57) calato, trasposto, e persona in carne e costumi; ecco Mosè (p. 48),ecco il Redentore: Cristo la tigre (p. 39; e con quanto rispetto, e con quanto dolore). L’amore non manca, ma è bello scoprirlo (per l’eco dolente chi scrive s’astiene dal recensire una biografia).

Un augurio, in chiusura: mai gli sia scarsa negli anni a venire al contegno la cifra, alla mano la vena (p. 52, bel manifesto d’etica e penna e splendida immagine di zoo-questuante).

Fabrizio Miliucci è nato a Latina il 9 luglio 1985. Laureato in Italianistica presso l’Università di Roma Tre con una tesi sugli autocommenti poetici del ‘900 dal titolo “I critici di sé”, è alla prima pubblicazione.

articolo di Andrea Viviani


Autore: Andrea Camilleri

Titolo: Nuove poesie

Editore: Perronelab

Anno di pubblicazione: 2010

Prezzo: 10 euro

Pagine: 74

Posted in <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/varie/" rel="category tag">Varie</a> Tagged <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/andrea-viviani/" rel="tag">andrea viviani</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/fabrizio-miliucci/" rel="tag">fabrizio miliucci</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/nuove-poesie/" rel="tag">nuove poesie</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/perronelab/" rel="tag">perronelab</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesia/" rel="tag">poesia</a>

Dolore e realtà trasfigurati che diventano Poesia

1ec1a84bb9a487aa8a7264e9a64855be-1

Matteo Blasi è stato un artista, musicista, giornalista, organizzatore di eventi e poeta. Le sue liriche sono state pubblicate postume per desiderio dei genitori Rodolfo ed Elsa, dopo la morte di Matteo nel settembre 2011, piegato dal cancro. “Ogni volta che ti piove in testa cerca il sole” è la prima raccolta di poesie di Blasi: liriche che colpiscono al cuore per la loro intensità. Continue reading

Posted in <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/rec/" rel="category tag">Recensioni</a> Tagged <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/ensemble/" rel="tag">Ensemble</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/matteo-blasi/" rel="tag">Matteo Blasi</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesia/" rel="tag">poesia</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/%e2%80%9cogni-volta-che-ti-piove-in-testa-cerca-il-sole%e2%80%9d/" rel="tag">“Ogni volta che ti piove in testa cerca il sole”</a>

“Niente da nascondere”. Debutto per Alessio Belli

copertina-belli-small

Niente da nascondere (Edizioni della Sera, 2012), nuovo volume della collana “InVersi”, è la prima raccolta poetica di Alessio Belli, autore interessantissimo già apprezzato autore della “scuderia” Flanerì. Continue reading

Posted in <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/rec/" rel="category tag">Recensioni</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/category/rec/varie-rec/" rel="category tag">Varie</a> Tagged <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/alessio-belli/" rel="tag">Alessio Belli</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/edizioni-della-sera/" rel="tag">edizioni della sera</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/flaneri/" rel="tag">flanerì</a>, <a href="http://www.ilrecensore.com/wp2/tag/poesia/" rel="tag">poesia</a> 1 Comment