Napoli & Dintorni al salotto di Pulcinella

Stefano Giovinazzo

Tagged: , , , , ,

il salotto di pulcinellaNapoli: musica, poesia, amore e passione. Gli ingredienti perfetti che rievocano e accendono il cuore partenopeo al centro di Roma. Parliamo del Piccolo teatro di Pulcinella in via Urbana 11, nella cornice spettacolare del rione Monti, a due passi dal Colosseo, nei locali di un ex ristorante nato nei primi del ‘900.


Gestito da Vincenzo De Vivo dal 2015 con eleganza, professionalità e il calore tipico partenopeo, il Salotto di Pulcinella ha ospitato Napoli & Dintorni, due serate all’insegna del romanticismo e di dolci ricordi. Ospiti dello spettacolo la versatilità e il genio artistico di Mariano Perrella e la bellissima voce di Isabella Alfano accompagnati dal Maestro Mario Vicari per un racconto corale di storie d’amore viste attraverso gli occhi di due diverse generazioni.

Napoli e Genova, un binomio musicale e artistico che al Salotto di Pulcinella è stato rievocato e incensato attraverso i versi dei grandi poeti napoletani quali Salvatore Di Giacomo, Libero Bovio, Ernesto Murolo, Vincenzo Russo, Aniello Califano, che tra la fine dell’800, inizi ‘900, hanno scritto le meravigliose pagine d’amore raccontate in canzoni come “Reginella”, “‘O surdato ‘nnammurato”, “Marechiaro”, per giungere, poi, a quelli degli anni 50 e 60 come Tenco, Lauzi, De Andrè, Endrigo, Paoli.


Uno dei momenti della serata – Diretta Facebook de Il Salotto di Pulcinella

Lo scopo dello spettacolo è quello di evidenziare, attraverso le canzoni e, con l’apporto di qualche aneddoto e/o curiosità, il Fil Rouge che unisce la canzone tradizionale napoletana alle canzoni dei cantautori italiani degli anni 50/60.

Gusto e tradizione. Prima della serata è stata offerta al pubblico una cena realizzata con prodotti e ricette tipiche della cucina partenopea, quali pasta patate con la provola, pasta e lenticchie con salsiccia, il cuoppo di panzerotti e panini napoletani e un mini babà con la crema. Niente piatti e bicchieri di plastica, al locale ci tengono: il servizio esclusivamente di ceramica e calici di vetro per il vino contribuiscono a rendere ancor più raffinata la degustazione.

Napoli, passato e presente. De Vivo è riuscito a creare, lontano dalla sua città, qualcosa di emozionante, coniugando musica, cucina e tradizione popolare napoletana. Un ambiente in cui sentirsi napoletani a Roma trascorrendo serate piacevoli e coltivando amicizie interessanti chiacchierando di Partenope e di tutti coloro che l’hanno resa una leggenda agli occhi del mondo.

/ 110 Articles

Stefano Giovinazzo

Comments Closed

Comments for this post are now closed.