La distopia di Will Self

Nella bella traduzione di Olivia Crosio, il romanzo di Will Self, “Una sfortunata mattina di mezza estate” (Fanucci), si fa leggere con piacere. In un’isola-continente immaginaria ma non troppo – si penserebbe all’Australia – il…

Tutto il mondo dentro

Frutteti spogli e malinconici, luce livida, vicoli deserti e segreti di paese: è una Calabria misteriosa e sconosciuta quella dell’avvincente romanzo di Graziano Versace, “Tutto il mondo dentro” (San Paolo edizioni, 2011).

Il Piccolo testamento di Dadati

Il narratore di “Piccolo testamento” (Laurana, 2011) – breve romanzo del quale Gabriele Dadati non nasconde la matrice autobiografica – dorme accanto a una donna, Camilla, che non esita a definire la sua puttana, non…

La vergine eterna
 di Kenzaburo Oe

Melò, memoir, teatro, cinema, musica, poesia: ne “La vergine eterna“ il giapponese settantaseienne premio Nobel per la letteratura nel 1994, Kenzaburo Oe, non si (ci) fa mancare nulla. Dopo mezzo secolo di carriera letteraria e…

Page 3 of 5