I 3000 di Auschwitz

Roberto Bisogno

Tagged: , , , , ,

I 3000 di AuschwitzI 3000 di Auschwitz di Baba Schwartz (Newton Compton 2017). In coincidenza con la celebrazione annuale della Giornata della Memoria, viene pubblicata dalla casa editrice romana l’attesa traduzione italiana di una storia, incredibilmente vera, che ha fatto commuovere e riflettere mezzo mondo.


Siamo nel maggio del 1944 quando le autorità tedesche decidono di deportare nei campi di concentramento ben 300 mila ebrei. Dalla cittadina rurale di Nyirbator nella provincia più orientale dell’Ungheria vengono caricati sui treni destinati ad Auschwitz tutti i tremila ebrei ivi residenti.

Tra i deportati vi è anche una ragazza, quasi sedicenne, l’Autrice del libro, Baba Shwartz. Queste memorie, ricorda l’autrice, le ho scritte e poi messe da parte nel 1991, un quarto di secolo fa. Quando, in seguito alla morte del marito, i figli le chiedono di dare ordine alle centinaia di pagine di appunti accumulatesi, Baba rimane perplessa ma viene convinta a farlo quando un talentuoso scrittore, Robert Hillman, accetta di aiutarla per trasformare quei fogli disordinati nel libro pubblicato. Il testo risente positivamente di questa inconsueta gestazione che ne rafforza l’attrattività sul lettore dal momento che ne scaturisce una narrazione con un tono costantemente misurato ed appassionato, soprattutto nella descrizione di episodi di inaudita scelleratezza.

/ 143 Articles

Roberto Bisogno

Comments Closed

Comments for this post are now closed.