Là dove fioriscono le magnolie

Michela Gelati

Tagged: , , , , , ,

Schermata 2014-04-23 alle 22.04.21 2“Sappiamo che ama scrivere biglietti con i pastelli, e che ogni giorno con lei ha il sapore magico del Natale. Sappiamo che ogni giorno con lei è un regalo inatteso. Perché ogni giorno è una sorpresa. Sappiamo anche che ha tre cromosomi 21, cioè è affetta dalla sindrome di Down”. La “lei” di cui parla sul suo blog la scrittrice Darcie Maranich, autrice del delicato romanzo Là dove fioriscono le magnolie (Garzanti 2014), è la figlia Cassidy, a cui appena nata è stata diagnosticata la sindrome di Down.

Nel romanzo, Maranich racconta la storia della 14enne Becca che scopre alla morte della madre Jeannie di avere un fratello affetto da sindrome di Down, Ben, che Jeannie ha deciso di abbandonare poco dopo la nascita, lasciandolo al padre. Alla morte della madre, Becca viene portata a vivere proprio con quel padre che sembrava averla abbandonata, e che invece, come scoprirà, per anni si è preso cura da solo di Ben. In un percorso non facile, la giovane Rebecca imparerà ad amare il padre, a capire il gesto di sua madre, ad odiarla e a tornare poi ad amarla, ad amare quel suo fratellino “strano” e pieno di affetto incondizionato e  puro nei suoi confronti.

Non tutto è rose e fiori, e la stessa Maranich sembra dirci, attraverso l’esperienza del padre di Ben e Becca, che non bisogna negare tutte le sofferenze e le fatiche, e i momenti bui. Ma ci dice anche che bambini come Ben, o come la sua Cassidy, aiutano a vedere le cose da un’altra prospettiva, a dare un grande valore ai piccoli gesti. Ad amare profondamente il proprio figlio nonostante le difficoltà, come bisogna fare con tutti i figli, e a crescerli facendoli sentire orgogliosi di se stessi.

È una storia che insegna l’amore tra figli e genitori e tra fratelli e sorelle, perché anche a Becca servirà un cambiamento di prospettiva per amare Ben. A volte, poi, questo amore significa vedere le cose come sono, senza pregiudizi, preconcetti e aspettative sbagliate. Perché in fondo l’amore per un figlio è quello che descrive Darcie Maranich, sempre nel suo blog: “Nello scegliere di avere un figlio, avevo preso un impegno con il mio bambino non ancora nato: mi sarei occupato di lui/lei per il resto della mia vita. Partorii una bambina dal bel colorito rosato, con gli occhi a mandorla e dita corte e paffute. Adesso, quattordici anni dopo, di lei sappiamo molto di più di quello che sapevamo allora. Sappiamo che ama guardare i film, mangiare il gelato e festeggiare i compleanni. Sappiamo che non rifiuterà mai un abbraccio né una leccata dal più bavoso dei cani. Sappiamo che la sua testardaggine corre in profondità e che non conosce vergogna. Sappiamo che è grata: mi ringrazia per cose per cui nessuno mi ringrazia mai”.

Darcie Maranich vive a Tucson, in Arizona, ed è madre di quattro figli, fra cui una bambina con la sindrome di Down. Oltre a fare la mamma a tempo pieno è anche autrice di un blog (suchthespot.com) in cui racconta gli alti e bassi della sua vita quotidiana e scrive delle sue passioni. Là dove fioriscono le magnolie è il suo romanzo d’esordio.

Autore: Darcie Maranich

Titolo: Là dove fioriscono le magnolie

Editore: Garzanti

Pubblicazione: 2014

Prezzo: 14,90 euro

Pagine: 266

 

/ 108 Articles

Michela Gelati

Comments Closed

Comments for this post are now closed.