Tra le braccia della notte

Elisa Bonfadini

Tagged: , ,

tra_le_braccia_della_notte_nalini_singh“Gli immortali vivono tra  noi, ci governano, ci puniscono. A volte, però, s’innamorano” Dall’autrice de Il profumo del sangue e della Carezza del buio, ecco il terzo attesissimo capitolo Tra le braccia della notte (Nord Edizioni, 2013).

Elena Deveraux, giovane cacciatrice della Corporazione di New York, da poco angelo e consorte del più potente arcangelo sulla terra, torna nella sua città dopo un periodo lontano per adattarsi alla sua nuova natura. Questo vuol dire tornare al lavoro di cacciatrice, ma comporta anche dover fare i conti con i Sette, fedelissimi consiglieri di Raphael, addestrati che per proteggere l’arcangelo da qualsiasi tipo di attacco o minaccia. Compresa Elena stessa.

In loro, infatti, si è insinuata la convinzione che il loro amore renda più umano il loro Sire e di conseguenza, più debole, esponendolo così ai pericolosissimi e possibili attacchi da parte degli altri arcangeli. Proprio ora che l’intero mondo viene sconvolto da una serie di catastrofi naturali di fortissima intensità e gruppi di vampiri sembrano aver perso totalmente il controllo seminando il terrore per le strade cittadine, i Sette vorrebbero allontanare Elena, senza sapere che forse in lei risiede il potere per salvare Raphael da una terribile minaccia che gravita su di lui.

“«Esiste una leggenda», sussurò lui, spalancando le ali mentre l’attirava a sé per stringerla, come a volerla proteggere. «Si dice che le montagne tremeranno, i fiumi strariperanno, il ghiaccio ricoprirà la Terra e i campi saranno allagati dalle piogge.» La guardò con quegli impossibili occhi di un blu ultraterreno. «E questo avverrà… quando si risveglierà un Antico.»”

Questa la terribile minaccia con cui Elena sarà costretta a fare i conti ma che prima di tutto dovrà conoscere e comprendere sotto ogni suo aspetto, domandando al suo compagno più notizie possibili, anche per aiutarlo nella gestione dell’evento, perché l’Antico che si sta per risvegliare è il più potente e pericoloso arcangelo mai conosciuto: Caliane, la madre di Raphael.

“Raphael.
Le si gelò il sangue.
Ai piedi del letto, c’era un piccolo vortice d’aria. Sembrava un miraggio, ma non lo era. Era come se il tessuto del mondo stesso si stesse incurvando mentre qualcosa cercava di prendere forma, senza riuscirci. Con la gola secca, Elena allungò una mano senza staccare gli occhi da quel mistero e scosse la spalla muscolosa di Raphael. Era incredibile che stesse ancora dormendo. Di solito si svegliava nel momento in cui lei apriva gli occhi, perché in realtà non aveva bisogno di dormire.
Ma Raphael non si svegliò.”

Anche per questo terzo capitolo, l’autrice neo-zelandese non si smentisce, rendendo la lettura del romanzo davvero avvincente. Un ottimo connubio di fantasy e thriller, che tengono con i fiato sospeso il lettore fino alla fine.

Nalini Singh nata nelle isole Fiji ma cresciuta in Nuova Zelanda dove vive tutt’ora. La sua vera passione è la narrativa, dopo Il profumo del sangue (Nord Edizioni, 2011) La carezza del buio è il secondo romanzo della serie con protagonista Elena Deveraux. Una serie che ha scalato la classifiche e che è stata tradotta con grande successo in tutto il mondo.

Autore: Nalini Singh
Titolo:  Tra le braccia della notte
Editore: Nord
Anno: 2013
Prezzo: 18 euro
Pagine: 382

/ 101 Articles

Elisa Bonfadini

Comments Closed

Comments for this post are now closed.