“Mancarsi” di Diego De Silva: l’intensità della brevità

Roberto Bisogno

Tagged: , ,

mancarsi_diego-de-silvaI lettori affezionati di De Silva che erano ansiosi di leggere una nuova puntata delle divertenti vicende dell’”avvocato di successo” Vincenzo Malinconico dovranno aspettare ancora, ma non rimarranno delusi dall’ultimo libro dello scrittore napoletano. “Mancarsi” (Einaudi, 2013) è un breve ma intenso romanzo d’amore, la cui trama, incentrata su due soli personaggi, pur esile, finisce per coinvolgere pienamente il lettore, anche grazie ad una narrazione spontanea ed un linguaggio diretto, come è nello stile dell’autore.

I protagonisti, Irene e Nicola, sono reduci da esperienze matrimoniali deludenti e sofferte. Lui è vedovo recente di una moglie che da tempo ormai non amava più, ma la cui perdita, tuttavia, lo ha scosso profondamente; Irene, invece, è reduce da un matrimonio fallimentare, dal quale è riuscita finalmente a liberarsi. Ambedue desiderosi di dimenticare, di voltare pagina in fretta, di ricominciare con un nuovo amore che dia significato e contenuti alla propria esistenza. Dalla descrizione “in parallelo” delle loro vite emergono i pensieri, le angosce, i desideri, i dolori, le delusioni, gli sbalzi d’umore, le ansie, le speranze, molto vicine, che accomunano Nicole ed Irene. I due sembrano, dunque, essere fatti uno per l’altro ma non si conoscono e forse lo vorrebbero per soddisfare la loro voglia di rimettersi in gioco. Un incontro non dovrebbe essere, d’altronde, difficile dal momento che ambedue frequentano abitualmente lo stesso bistrot. Le circostanze, invece, vogliono che i due non riescano ad incontrarsi se non all’ultima pagina del libro.

Diego De Silva, scrittore napoletano, ha raggiunto la notorietà soprattutto con i romanzi che hanno per protagonista “l’avvocato di successo” Vincenzo Malinconico: “Non avevo capito niente” (2007) finalista Premio Strega, “Mia suocera beve” (2010) e “Sono contrario alle emozioni” (2011). E’ autore anche di numerosi altri romanzi, fra i quali ricordiamo, tra gli altri, “Certi bambini” (pubblicato nel 2001), Premio Selezione Campiello e dal quale é stato tratto un film, “La donna di scorta” (2001), “Voglio guardare” (2002) e la pièce teatrale “Casa chiusa”.

Autore: Diego De Silva
Titolo: Mancarsi
Editore: Einaudi
Pagine: 99
Prezzo: 10 euro

/ 158 Articles

Roberto Bisogno

Comments Closed

Comments for this post are now closed.