Monk, un genio americano

Francesco Bove

Tagged: , , ,

thelonious-monkÈ difficile raccontare quel che è stato Thelonious Monk. Kelley con “Thelonious Monk. Storia di un genio americano” (Minimum Fax, 2012) ci è riuscito e ha scritto una biografia torrenziale, ricca di dettagli in cui la musica di Monk è costantemente in sottofondo divenendo, a seconda dei periodi analizzati, di volta in volta protagonista.

Kelley, nel raccontare la vita e la carriera di questo straordinario pianista jazz, procede per strati : inquadra dapprima il contesto storico e gli eventi più significativi della vita del pianista per poi concentrarsi unicamente su Monk e sul suo modo di vedere e sentire. Il lavoro di Kelley è straordinario, per mole e per accuratezza, riuscendo a raccogliere testimonianze e aneddoti impossibili.

Animato dalla passione per il pianista americano, Kelley si contiene, cerca di essere quanto più oggettivo possibile evitando di ricorrere troppo spesso all’agiografia. Il problema sta nella veridicità delle informazioni proposte, cioè è sempre vero quanto raccontato dallo scrittore? In realtà, Kelley è bravo a bilanciare gli aneddoti più stravaganti con episodi di vita quotidiana in cui Monk è a stretto contatto con la famiglia, si preoccupa dell’educazione dei propri figli o dello stato di salute della moglie Nellie. Qui sta l’abilità di scrittura che, di solito, i biografi non hanno. Kelley è riuscito a scrivere un romanzo biografico senza romanzare la vita di Monk.

Alla fine emergono la sua sensibilità, la sua genialità, il suo essere involontariamente fuori dagli schemi e la sua musica, imprevedibile e curata, che ha traghettato il jazz in un nuovo universo.  Finalmente si comincia a far luce su un pianista seminale, geniale, che non ha eguali nella storia della musica americana. Non è mai troppo tardi per far conoscere Monk alle nuove generazioni e la sua musica sarà sempre in anticipo sui tempi. Un mammut fondamentale per gli appassionati di jazz, indispensabile e imperdibile per i fan di Thelonious Monk.

Robin D.G. Kelley insegna storia e studi americani alla University of Southern California. Tra i suoi libri : “Freedom dreams”, “Yo Mama’s Disfunktional!” e “Race Rebels”. Il grande filosofo e intellettuale Cornel West lo ha definito “il più autorevole storico della cultura popolare nera oggi in attività”.

Autore: Robin D.G. Kelley

Titolo: Thelonious Monk. Storia di un genio americano

Editore: Minimum Fax

Anno di pubblicazione: 2012

Prezzo: 22 euro

Pagine: 750

/ 108 Articles

Francesco Bove

Comments Closed

Comments for this post are now closed.