Paolo Di Paolo presenta “La morte data” di Mario Massimo

Redazione

Tagged: , , , ,

lamorte-data

Venerdì 10 febbraio 2012 presso la Cantina Paradiso, via di San Francesco a Ripa, 73 (Trastevere/Roma), ci sarà la presentazione di “La morte data” (Manni Editore), la bellissima raccolta di racconti di Mario Massimo. L’autore del libro e lo scrittore Paolo Di Paolo (“Dove eravate tutti”, Feltrinelli) ci regaleranno un pomeriggio a base di vino e letteratura. Coordina Andrea Viviani (Università di Roma Tre).

Dieci storie, diverse per epoca e ambientazione, indagano, attraverso i personaggi, i temi centrali dell’esistenza umana. La “fabula” ha presente il racconto filosofico classico e mette anche in luce la razionalità e i sentimenti di oggi. Su tutto campeggia il gusto della narrazione, il suo “azzardo”, la sfida del testo come “letteratura”.

Il libro di Mario Massimo non si può liquidare con lo stile, con le parole, con i significanti. C’è un significato in quel libro, anzi ce ne sono molti più di uno. E vanno cercati in tutti i racconti, in tutti i dieci racconti. Mi vengono in mente i grandi classici che ti fanno studiare a scuola: dieci è il numero perfetto, il ciclo che si chiude.

Un ciclo formato da storie che ti trattengono il fiato: dalla prima, “La morte data”, che dà il titolo alla raccolta di racconti, all’ultima “L’altro viaggiatore”, icastica come solo gli incontri sul treno sanno essere.Si va indietro nel tempo, tra epoche diverse, sfiorando anche il mito. Qualcosa del ragazzino di “Agnizione” lo portiamo già prima di leggerlo: è un qualcosa di già sentito, anche se in forme diverse. Ma non è un difetto, anzi. È qui che l’autore colpisce nel segno: una spennellata veloce che riporta in luce , con maestria, i nostri ricordi.

C’è molto sud, c’è il desiderio di vivere e la consapevolezza della nostra “finitezza”, c’è morte. C’ un gioco di rimandi ad una terra di tradizioni e di un Mediterraneo che ne sfiora i lembi ricordandone il passato ellenico. E c’è quel filo invisibile che è amore per il sapere che troppo spesso ci vergogniamo di chiamare filosofia.

Venerdì 10 febbraio. Ore 17.30.

Cantina Paradiso,
Via di San Francesco a Ripa, 73 (Trastevere)
ROMA.

/ 439 Articles

Redazione

Comments Closed

Comments for this post are now closed.