Gli ingredienti segreti dell’amore

Alessandra Stoppini

Tagged: , ,

ingredientisegreti-amoreÈ la Parigi novembrina che fa da sfondo a Gli ingredienti segreti dell’amore” di Nicolas Barreau (Feltrinelli, 2011), delicato e brillante romanzo che in poco tempo ha conquistato i cuori di tanti lettori. “L’anno scorso, a novembre, un libro mi ha salvato la vita”. Così ricorda Aurélie Bredin affascinante proprietaria de Le temps de cerisespiccolo ristorante con le tovaglie a quadri bianchi e rossi in rue Princess, lontano dalla folla di boulevard Saint – Germain”.


La giovane era cresciuta sola con il padre, proprietario del ristorante, seduta in cucina con i suoi quaderni di scuola intenta a osservare il lavoro incessante degli addetti, assaporando mille profumi stuzzicanti in mezzo al tramestio di tegami e padelle”. L’anno precedente Aurélie aveva perso il padre all’improvviso e anche il fidanzato Claude che l’aveva abbandonata lasciandole un laconico biglietto sotto il barattolo di marmellata di albicocche “… ho incontrato la donna della mia vita… mi dispiace… abbi cura di te. Per dimenticare il dolore del doppio abbandono Aurélie si era ritrovata a girovagare in un freddo e grigio pomeriggio di novembre disseminato di foglie secche lungo i boulevard, un’atmosfera che ricorda la poesia Le feuilles mortes di Jacques Prévert “et la vie sépare ceux qui s’aiment, tout doucement, sans faire de bruit… ”.

Sotto “un cielo blu cupo che si stendeva sopra Parigi come una stola di velluto” Aurélie senza rendersene conto si era ritrovata all’Ile Saint – Louis una delle due isole naturali della Senna che secondo alcuni “è il cuore di Parigi”. La ragazza era entrata per caso nella Librairie Capricorne, dove aveva acquistato Il sorriso delle donne scritto da un giovane autore inglese e pubblicato dalle Editions Opale. Grande era stata la sorpresa di Aurélie dopo aver letto le prime pagine del romanzo: La storia che sto per raccontare inizia con un sorriso e finisce in un piccolo ristorante dal nome promettente Le Temps des cerises. Si trova a Saint – Germain – des – Prés, là dove pulsa il cuore di Parigi. La protagonista del libro descritta dall’autore Robert Miller era identica ad Aurélie “capelli lunghi mossi e biondo scuro, è di statura media, magra e indossa un mio vestito… ”. Non poteva trattarsi di una coincidenza quindi la ragazza si rivolse all’editor André Chabonnais per conoscere Robert Miller. Ma l’impresa non si sarebbe rivelata facile… “Era dietro la vetrina di un ristorante grande quanto un soggiorno… ”.

Das Lächeln der Frauen di Nicolas Barreau interamente ambientato “sous le ciel de Paris ha la capacità di far sognare, perché come ci insegna il giovane ma già abile e saggio autore “spesso il confine tra felicità e infelicità è labile. Non stupisce quindi il fatto che il volume in Germania a sei mesi dalla sua pubblicazione sia stato ristampato ben cinque volte. La storia di Aurélie che ha ricevuto in eredità dal padre un ristorantino che è una bomboniera, il famoso Menu d’amour (che si trova pubblicato alla fine del volume) “e una serie di saggi aforismi sulla vita come Post Nubila Phoebus (dopo le nuvole, il sole), emozionerà anche i lettori italiani sedotti dalla grazia di Aurélie, dalla sua tenacia e dal fascino di una città unica al mondo. Attenzione però, l’autore nella nota finale precisa che il ristorante di Aurélie non esiste, perché “deve restare un luogo della fantasia, un luogo dove i desideri si avverano e tutto è possibile”.

Insieme alla protagonista del romanzo che ama collezionare pensieri, comprare dei fiori quando è inquieta e alla quale non piacciono i cambiamenti, pagina dopo pagina ecco la Ville Lumière più sfolgorante, più affascinante che mai. I giardini de la Tuileries, il Louvre, il Café de Flore, Parigi a Natale quando gli alberi nodosi degli Champs – Élysées erano addobbati con migliaia di piccole luci, il piccolo quartiere animato nel quale vive Aurélie al terzo piano di un antico palazzo con i gradini consumati e senza ascensore” dalle cui finestre “vedevo il rinomato Le Procope, il ristorante che sta lì da secoli ed è passato alla storia come il primo caffè di Parigi”.

Un romanzo che ricorda il fascino dei film di Eric Rohmer frizzante e pieno di vita, perché “gli anni non contano, conta solo come li viviamo”, che ci fa comprendere che non c’è bisogno di andare in Normandia per vedere le rayon vert, il più delle volte il raggio verde, la felicità è dietro l’angolo, basta accorgersene. Lei crede nel destino, Mademoiselle Bredin?.

Nicolas Barreau è nato a Parigi nel 1980 da madre tedesca e padre francese e perciò perfettamente bilingue. Ha studiato Lingue e letterature romanze alla Sorbonne, ha lavorato in una piccola libreria sulla Rive Gauche e infine ha deciso di dedicarsi alla scrittura. Ha una passione per i ristoranti e la cucina, crede nel destino, è molto timido e riservato e non ama mostrarsi in pubblico, proprio come il misterioso scrittore descritto nelle pagine di questo romanzo. I suoi tre romanzi hanno ottenuto un ottimo successo grazie al passaparola dei lettori.

Una interessante iniziativa Feltrinelli da segnalare per i lettori de Gli ingredienti segreti dell’amore: la casa editrice raccoglierà all’indirizzo menudellamore@feltrinelli.it le più appetitose ricette che saranno proposte dai lettori del romanzo, che verranno poi pubblicate su un ebook Feltrinelli scaricabile gratuitamente da www.menudellamore.feltrinelli.it sito web dedicato al romanzo.

Autore: Nicolas Barreau
Titolo: Gli ingredienti segreti dell’amore
Editore: Feltrinelli
Anno di pubblicazione: 2011
Prezzo: 15 euro

/ 592 Articles

Alessandra Stoppini

Comments Closed

Comments for this post are now closed.