L’ultima corsa per Woodstock. Crudeltà per l’Ispettore Morse

Alessandra Stoppini

Tagged: , ,

ultima-corsa-per-woodstock Giusto ambiente de “L’ultima corsa per Woodstock” (Sellerio, 2010) di Colin Dexter: una brumosa e fredda mattina di fine settembre del 1975 quando l’autunno britannico aveva ormai sostituito la breve estate inglese.
L’ispettore capo Endeavour Morse e il sergente Robbie Lewis del commissariato della Thames Valley Police erano stati chiamati a indagare su un delitto crudele.

Sylvia Kaye una bella ragazza bionda e la sua amica volevano tornare a casa a tutti i costi da Oxford, anche se l’ultimo autobus per Woodstock era ormai partito. Per questo avevano accettato un passaggio in macchina da uno sconosciuto. Mentre la ragazza che la accompagnava era scomparsa nel nulla, Sylvia era stata ritrovata assassinata il mattino dopo nel cortile di un pub di Woodstock, The Back Prince. Che fine aveva fatto l’amica di Sylvia? L’assassino era forse la persona che aveva offerto il passaggio alle due ragazze? Morse aveva il compito di mettere a posto i primi tasselli del puzzle. “Giaceva sul lato destro, la testa quasi eretta contro il muro, i lunghi capelli biondi orribilmente intrisi di sangue. Evidentemente era stata uccisa con un forte colpo infertole nella parte posteriore della testa; dietro il corpo c’era una pesante chiave inglese”.

Con Last bus to Woodstock pubblicato nel 1975 Colin Dexter considerato uno dei più noti ed eminenti esponenti del poliziesco classico, presentava ai suoi lettori la figura dell’ispettore Endeavour Morse, il suo alter ego, protagonista di tredici romanzi a lui dedicati. Morse è un poliziotto anomalo, completamente immerso nell’atmosfera della verde provincia inglese di Oxford: pub, ambienti fumosi, dove birra e whisky scorrono a fiumi. Infatti, questo raffinato e snob uomo di legge che detesta sopra ogni cosa gli errori di ortografia ama bere, ma ciò non sembra compromettere le sue facoltà mentali, anzi. Morse, solitario scapolone convinto non insensibile al fascino femminile, guida una Lancia e per rilassarsi ascolta la musica immortale di Richard Wagner. Come il suo creatore Endeavour è uno dei massimi specialisti britannici di enigmistica e soprattutto di parole crociate. “Quello che mi interessa è il parallelo tra enigmistica e letteratura gialla. In entrambi i casi, non puoi mollare finché non trovi una soluzione. Più è difficile, più ti diverti” ha dichiarato lo scrittore in una recente intervista. Come dargli torto? Inoltre per ricordare ai suoi estimatori che l’autore è stato un bravo insegnante di latino e greco nelle scuole superiori, Dexter nei suoi romanzi si diverte a inserire dotte citazioni, alcune da lui stesse inventate e attribuite all’inesistente lessicografo Diogenes Small. Non manca in ciascun libro sofisticato e avvincente una robusta dose d’ironia tipicamente british. Tutto ciò è valso all’autore nel 1979 e nel 1981 il premio Silver Dagger.

I gialli con protagonista Morse, famosissimo nel Regno Unito, in Italia erano conosciuti finora solo dai veri intenditori di questo genere letterario ed erano stati pubblicati dapprima da Longanesi e poi tra i Gialli Mondadori. La Casa Editrice Sellerio che ha acquistato l’intera serie, terminata nel 1999 con il simbolico titolo Sipario per l’Ispettore Morse, ha deciso la ripubblicazione in ordine cronologico, iniziando dalla prima avventura del poliziotto dal fascino un po’ borghese e un po’ decadente.

Una ghiotta occasione per leggere questi romanzi nati per caso, mentre l’autore si trovava in vacanza con la famiglia nel Galles durante un’estate piovosa. “Gli mancava un piacevole programma. Però non si sentiva mai perfettamente a suo agio se non aveva qualcosa da fare, e rimase a lungo indeciso se ascoltare un disco di Wagner o fare le parole crociate. Le parole crociate erano la sua grande passione… “.

Norman Colin Dexter è nato a Stamford il 29 settembre 1930. Si è laureato a Cambridge, docente di greco e latino fino al 1966. Si è dedicato alla saggistica politica. Specialista di enigmistica, tra il 1975 e il 1999 ha scritto i romanzi della serie dell’ispettore Morse, diventato popolarissimo in Inghilterra grazie anche a una fortunata serie televisiva di trentatré episodi, protagonista nel ruolo di Morse John Thaw e dopo la morte di quest’ultimo Kevin Whately. Nel 2000 Colin Dexter fu insignito del titolo di Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico.

Autore: Colin Dexter
Titolo: L’ultima corsa per Woodstock
Editore: Sellerio
Anno di pubblicazione: 2010
Prezzo: 14 euro
Pagine: 364

/ 592 Articles

Alessandra Stoppini

Comments Closed

Comments for this post are now closed.