Il mio nome è Nessuno. “Nobody” di Charlotte Link

Alessandra Stoppini

Tagged: , ,

nobodyIn “Nobody” (Corbaccio) di Charlotte Link “l’autunno stava dispiegando il suo splendore”. Nell’ottobre 2008 a Scarborough amena località marina nello Yorkshire il tempo sembra scorrere tranquillo ma qualcosa cova sotto la cenere.

Un delitto scuote gli animi in pena della cittadina. È stata brutalmente assassinata Fiona Barnes, un’anziana donna colpevole solo di dire la verità costi quel che costi. Le modalità dell’assassinio sono tristemente simili a quelle dell’omicidio di Amy Mills avvenuto lo scorso luglio. L’ispettrice Valerie Armond incaricata delle indagini intuisce che le morti sono collegate tra loro. Il passato delle vittime e delle famiglie coinvolte si rivela la chiave di volta per capire il presente. Tutto sembra tornare indietro nel tempo a una vecchia storia volutamente dimenticata, occultata da tutti.

Nel 1940 in piena II Guerra Mondialeuna piccola ragazzina era arrivata alla fattoria dei Beckett nel corso delle operazioni di evacuazione dei bambini nelle campagne” per sfuggire ai bombardamenti nazisti. L’undicenne Fiona “che indossava un abito estivo troppo leggero e reggeva una valigia di cartone, e un bambino di circa otto anni dai calzoncini irrigiditi dalla sporcizia e con un pullover di lana simile a un sacco… ”. Brian Somerville era il nome del piccolo orfano ritardato che non proferiva parola, chiamato con odio e disprezzo Nobody, deriso e maltrattato da tutti. Nobody “l’altro bambino” era in seguito scomparso all’improvviso, volatilizzato. C’è forse un nesso tra questa antica e tragica storia e gli omicidi?

Charlotte Link è una scrittrice tedesca ma ancora una volta si dimostra più britannica di Agatha Christie o di P. D. James. In Das andere kind l’ambientazione prettamente inglese è fondamentale “l’autunno accendeva di tutti i colori le foglie degli alberi degli Esplanade Gardens”. Sottile thriller psicologico nel quale ciascun personaggio appare vivo e reale, vittima di solitudine e sofferenza interiore, inquietudine. È il caso di Leslie Cramer nipote di Fiona che ha divorziato da poco, Chad Beckett “amico per la vita” di Fiona che conosce il passato e mantiene i segreti a esso legati “non ci eravamo ancora resi colpevoli”. La figlia di Chad, Gwen scialba e incolore promessa sposa dell’affascinante e misterioso Dave Tanner.

Cosa si cela dietro la maschera di impenetrabilità dell’uomo? Ama la sua fidanzata oppure è interessato solo alla sua eredità, alla fattoria ora in stato di quasi abbandono ma dalle grandi potenzialità? Gli ospiti paganti della fattoria la coppia di sposi Colin e Jennifer Brankley, perché trascorrono le vacanze in un posto spoglio e fatiscente come la proprietà Beckett? Non aggiungiamo altro e diamo modo ai lettori di scoprire attraverso le oltre seicento pagine i tanti misteri e segreti celati dietro l’ingarbugliata vicenda.

L’autrice è veramente brava nell’orchestrare una trama che restituisce lo spirito dell’epoca unita a una suspence continua che non consente mai al lettore di diminuire l’attenzione fino all’ultimo capitolo. I destini dei singoli protagonisti sono intrecciati tra loro, mentre non mancano momenti di alta tensione che fanno di Charlotte Link “un’autrice con la vocazione al bestseller come l’ha definita il quotidiano La Stampa.

Era stanca. Le molte tessere di quel puzzle sembravano accavallarsi sempre di più davanti a lei, in modo confuso e disordinato, e temeva di non riuscire a ricomporre un quadro attendibile. Forse mai”.

Charlotte Link è nata a Francoforte nel 1963 da padre magistrato e madre scrittrice. Ha cominciato a scrivere il suo primo romanzo storico Die shöne Helena a sedici anni. Con i romanzi successivi si è confermata un’autrice di bestseller. Il suo primo libro pubblicato in Italia da Corbaccio è stato La casa delle sorelle (2002) che ha avuto quattro edizioni in pochi mesi. Tra i tanti titoli editi sempre dalla stessa Casa Editrice ricordiamo La donna delle rose (2003), Alla fine del silenzio (2004), Venti di tempesta (2006), Una difficile eredità (2007), Nemico senza volto (2008), L’ultima traccia (2009).

Autore: Charlotte Link
Titolo: Nobody
Editore: Corbaccio
Anno di pubblicazione: 2010
Prezzo: 20 euro
Pagine: 522

/ 592 Articles

Alessandra Stoppini

Comments Closed

Comments for this post are now closed.