Rifugi tra Veneto e Friuli

Elisa Bonfadini

Tagged: , , , , , , ,

i-rifugi-delle-dolomiti-tra-veneto-e-friuliLa geografia delle Dolomiti è scandita lungo i solchi scavati nei millenni che scendono da Cortina verso il Cadore e dal Piave verso Belluno sul versante veneto, mentre le acque del versante friulano vengono raccolte dal Tagliamento ad est e dal Livenza a sud. “I rifugi delle Dolomiti tra Veneto e Friuli” (Iter) di Stefano Ardito, descrive le caratteristiche e gli itinerari di accesso ai rifugi, alle malghe e ai bivacchi.

Dalle Tre Cime di Lavaredo alla Cinque Torri, dalla Marmolada al Civetta che sovrastano le valli ed i paesi della provincia di Belluno, alle eleganti vette dolomitiche friulane, in tutto nelle Dolomiti sono presenti 352 rifugi a disposizione di escursionisti, sciatori ed alpinisti.

Nati in origine per accogliere pellegrini e viandanti, i primi rifugi consistevano in buchi scavati nella roccia. Durante la storia del nostro paese i rifugi si sono adeguati alle esigenze del periodo storico, arrivando ad essere ciò che noi tutti oggi conosciamo. Luogo di aggregazione degli amanti della montagna, i rifugi sono legati ai Parchi Naturalistici, grazie ai quali si possono ammirare paesaggi mozzafiato e tramonti magnifici, finendo con l’udire la dolce pioggia che cade monotona sul tetto.

Raggiungibili grazie a piccoli sentieri o viottoli fatti di rocce e ferrate o lungo lingue di neve o ghiaccio, offrono ai loro ospiti the, vino, minestre o polente, ottime crostate o favolosi strudel. A disposizione che semplicemente amano camminare o veri e propri alpinisti, i rifugi delle Dolomiti spaziano dalle classiche capanne di pietra alle magnifiche e moderne strutture accanto alle piste da sci, o ancora alle meravigliose casere ristrutturate dopo decenni di abbandono.

I rifugi delle Dolomiti tra Veneto e Friuli” guida gli amanti della montagna descrivendo la storia e il paesaggio di ogni struttura. Vengono riportare notizie sul tipo di accoglienza, cucina, ed il periodo di apertura, oltre a tutte le attività possibili presso ogni rifugio.

Stefano Ardito, nato a Roma, percorre da molti anni i sentieri gli itinerari attrezzati delle Dolomiti. Escursionista, alpinista e viaggiatore, è giornalista, fotografo, documentarista e scrittore. E’ autore di una novantina di libri e guide dedicate alla montagne italiane e del mondo.

Autore: Stefano Ardito
Titolo: I rifugi delle Dolomiti tra Veneto e Friuli
Editore: Iter
Anno di pubblicazione: 2010
Prezzo: 18 euro
Pagine: 335

/ 94 Articles

Elisa Bonfadini

Comments Closed

Comments for this post are now closed.